Testimoniare Cristo oltre la "terra di nessuno"

 
Share
 

Manage episode 231299950 series 22171
By www.laveravite.blogspot.it, www.lav, ravit, and .blogspot.it. Discovered by Player FM and our community — copyright is owned by the publisher, not Player FM, and audio is streamed directly from their servers. Hit the Subscribe button to track updates in Player FM, or paste the feed URL into other podcast apps.
Dove vivi la tua vita di credente? Vivi la tua battaglia quotidiana testimoniando Gesù agli altri, oppure nella "terra di nessuno", dove non c'è guerra, ma neppure testimonianza per Cristo? --- PER ASCOLTARE IL MESSAGGIO CLICCA SUL TITOLO Come ogni settimana voglio iniziare con una domanda: chi è che sa che cosa sia la “terra di nessuno”? Anche se non la conoscete, posso assicuravi che, come credenti passiamo gran parte del nostro tempo nella “terra di nessuno”. Vi spiego: la “terra di nessuno” è un termine militare. Nelle battaglie campali, quando due eserciti si affrontano in campo aperto, c'è uno spazio che non appartiene né ad un esercito né all'altro esercito. In questo spazio non accade nulla, e spesso è utilizzato dalla Croce Rossa o da altri per andare a recuperare i feriti... Non succede nulla... fino a quando uno dei due non decide di attaccare. Vi starete chiedendo: “Cosa c'entra la terra di nessuno con me? Io non vivo in un posto dove c'è la guerra!” Beh, sei proprio sicuro? Chissà perché, allora, Paolo scrive questo agli Efesini: “Prendete le armi che Dio vi dà, per poter resistere contro le manovre del diavolo. Infatti noi non dobbiamo lottare contro creature umane, ma contro spiriti maligni del mondo invisibile, contro autorità e potenze, contro i dominatori di questo mondo tenebroso. Prendete allora le armi che Dio vi dà, per combattere, nel giorno della lotta, le forze del male e per saper resistere fino alla fine. (Efesini 6:11-13 TILC) Paolo descrive una battaglia, tutte le armi e le armi da usare: Ma c'è un arma che ripete tre volte e che aggiunge, dobbiamo usare “sempre” “in ogni occasione”, e “senza stancarci” di usarla: “Pregate sempre: chiedete a Dio il suo aiuto in ogni occasione e in tutti i modi, guidati dallo Spirito Santo. Perciò state svegli e non stancatevi mai di pregare per tutto il popolo di Dio e anche per me.” (Efesini 6:18-19 TILC) Nella “terra di nessuno ” non servono le armi... Perché è un posto dove io credo in Gesù, evito anche di peccare... e basta. Sapete, per satana, i credenti, noi, siamo un “male necessario”: lui è in lotta con Dio, qualche volta Dio ne guadagna qualcuno, altre volte è satana a guadagnarne qualcuno... ma alla fine si tratta di “percentuali”, non di “battaglie” perse o vinte. Sei nella “terra di nessuno” quando non fai NIENTE per satana... ma neppure per Dio! E satana dice: “OK!l'infezione” è circoscritta!” Ma se tu cominci a parlare agli altri di Dio, a pregare, ad intercedere... allora la cosa si fa seria, l'infezione rischia di diffondersi. Questa si chiama “battaglia spirituale”. Gesù conosce bene satana, e oltre a chiamarlo “nemico”, “l'accusatore dei fratelli”, lo chiama anche “ladro”: “Il ladro non viene se non per rubare, ammazzare e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza.” (Giovanni 10:10 PV) Nella nostra società abbiamo imparato a “evitare” di chiamare le cose col loro nome, a “addolcire”, smussare, diluire. Per cui un omicida in psicologia diventa una persona ammalata con tendenze omicide. Uno che va a prostitute diventa un soggetto affetto da erotomania. Non è più un uomo che agisce, non è più la persona che uccide, ma la sua “tendenza”: e questo giustifica l'accaduto. Non è colpa sua, ma della sua malattia. Trasformiamo tutto in concetti astratti, filosofie, nascondendo invece che ci sono persone realmente malvagie. Gesù, invece dice “no no, satana è una persona, è un ladro, e per vincere un ladro non ci vuole una filosofia, ci vuole un'altra persona, io, Gesù, il Cristo”. Guardate la struttura della frase: satana: RUBARE - AMMAZZARE - DISTRUGGERE Gesù: AVERE - VITA - ABBONDANZA C'è una battaglia, e non è un “modo di dire”, è una guerra reale non tra bene e male, come categorie filosofiche, ma tra reali persone che fanno il male (rubano ammazzano, distruggono) e quelle che fanno il bene . I quartieri generali sono lontano da qui, nel modo spirituale, ma il cui campo di battaglia è qui, sulla terra...dove siamo io, e te! Se non ne sei convito, basta che apri qualsiasi sito di news online... vogliamo provarci? Come combatte il nemico? Principalmente in tre modi: a) Cercando di farsi vedere il meno possibile dal mondo (“io non esisto”)b) Cercando di tenere i credenti nella “terra di nessuno” (“io non sono pericoloso”) e, solo quando i credenti diventano VERAMENTE PERICOLOSI c) cercando di distruggere le loro vite. (“io sono più forte di Dio”) Se guardate qualsiasi film di James Bond, questo è il metodo che usa la “SPECTRE” Sei spaventato? Sei spaventata? Non ce n'è ragione! Perché? Perché Dio ha organizzato con Gesù il più grande piano di recupero prigionieri sia mai stato ideato. “Infatti, il Figlio dell'uomo è venuto a cercare e salvare quelli che erano perduti". (Luca 19:10 PV) Come fa Gesù per “recuperare” quelli perduti? “Gesù, il Figlio di Dio, è venuto proprio per distruggere le opere del diavolo.” (1 Giovanni 3:8 TILC) Perché satana non ha soldati, ma prigionieri e alcuni li ha messi a lavorare per lui. Gesù ti ama fino a morire per te, satana ti odia fino a volerti veder morire per lui! Pietro ne parla a un ufficiale romano di nome Cornelio: “Senz'altro saprai che Gesù di Nazareth fu unto da Dio con lo Spirito Santo e con potenza, e che andava in giro facendo del bene e guarendo tutti quelli che erano in potere del diavolo, perché Dio era con lui.” (Atti 10:38 PV) Quale è il potere del diavolo? E' dire :”Drogati, e ti sentirai meglio!". “Tradisci tua moglie e ti sentirai appagato!". “Opprimi il tuo popolo e sarai potente!”. Ma è anche sussurrare: “tu non vali niente”;“non troverai nessuno che ti ama”; “non uscirai mai dalla tua povertà”; “non potrai mai uscire dalla tua dipendenza”. Gesù prendeva questo potere di satana e lo girava a 180 gradi, liberando dalla schiavitù di una malattia, di una dipendenza, della fame e della povertà. Tu potresti dirmi, “Va bene, Marco, ma quello succedeva quando c'era Gesù. Ora Lui è tornato dal Padre, io non posso fare tutto questo.”. E' lì, che satana ti vuole... perché sei innocuo, perché sei innocua... Sei credente, hai il potere di Cristo... ma vivi nella “terra di nessuno”. "In tutta sincerità, vi dico che chi crede in me farà le stesse opere che faccio io, anzi ne farà di più grandi ancora.” (Giovanni 14:12 PV) Gesù ha detto; “tutti quelli che sono pastori... anziani... diaconesse... missionari...” Non dice così... dice “chi crede”... Se hai creduto in Gesù, TU farai le sue stesse opere... ma solo se decidi di andare in battaglia, non di vivere nella “terra di nessuno. Pietro continua così il colloquio col centurione in Atti: “[Gesù] … ci ha comandato di annunciare al popolo e di testimoniare che egli è colui che è stato da Dio costituito giudice dei vivi e dei morti” (Atti 10:42) Pietro stava parlando ad un centurione; a un soldato che era abituato al gergo militare, e che sapeva benissimo che un comando di un capo va rispettato... e che se non lo rispetti vai incontro al tribunale marziale, ovvero al plotone di esecuzione...e alla morte. Non è un suggerimento; è' un comandamento: quando noi annunciamo e testimoniamo che Gesù è giudice, stiamo distruggendo le fortezze del nemico. Come fare? Come vado in battaglia? Quali armi mi porto dietro? E soprattutto, da dove comincio? “Io tornerò al Padre; e qualsiasi cosa chiederete nel mio nome, io la farò, affinché il Padre sia glorificato in me.” (Giovanni 14:13 PV) Chiedere a Dio: noi lo chiamiamo in un altro modo: pregare! Quando preghi esci dalla “terra di nessuno”,e vai all'attacco delle fortezze del maligno,e se non c'è chi prega non c'è battaglia, non c'è salvezza, non ci sono vite cambiate. Vi ricordate come comincia la “preghiera perfetta”quella che ci ha lasciato Gesù:“Quando pregate dite: Padre nostro “: abbiamo un padre che ci ama. E vi ricordate come termina? "Ma liberaci dal maligno": abbiamo il diavolo che ci odia. Ma nel bel mezzo c'è la chiave di come possiamo sconfiggerlo: "Sia fatta la tua volontà ": Quale è la volontà del Padre? “Questa è la volontà di mio Padre: che chi conosce il Figlio e crede in lui abbia vita eterna.” (Giovanni 6:40 PV) Se tu fai parte dell'esercito di Gesù non puoi rimanere nella “terra di nessuno”: se hai pregato “sia fatta la tua volontà” almeno una volta nella tua vita hai anche pregato (anche se non lo hai capito) “Signore, mandami a farti conoscere dagli altri nel mondo”. In questi quaranta giorni noi siamo stati uno “squadrone d'attacco” pregando tutti assieme per la nostra sfida per i nostri amici, per la nostra città per la chiesa nel mondo. Invece di chiamarla 40 Giorni nella Preghiera, avevo pensato di chiamarla “40 Giorni di guerra totale”. Ha capito che sei in guerra, vero? Per cui, non stupirti se verrai attaccato o attaccata! Ti è capitato di pensare ” non è poi così importante pregare tutti i giorni”? Ti è capitato di pensare “tanto la mia preghiera non è così efficace”? Ti è mai capitato di pensare: “tanto ci sono altri che pregheranno oggi”? Questa è la maniera di attaccare di satana: satana è un “kamikaze”: non vincerà la guerra (lui l'ha già persa) ma cerca di fare il maggior danno possibile al suo nemico. Ripeto, satana ha realmente poche armi contro i figli di Dio, se tu decidi di scacciarlo lontano da te. “Stupita, la gente si chiedeva: "In che consiste la potenza delle sue parole? Ha tanta autorità, che comanda i demoni, ed essi escono!" (Luca 4:26) Tu hai autorità non solo di scacciare satana, ma di fare quello che Gesù faceva, liberare dagli spiriti, guarire dalle malattie, toccare le vite degli altri, cambiare le vite degli altri. Come uscire dalla terra di nessuno? 1. Scegli di ricevere autorità “Colui che dimora in me, e nel quale io dimoro, porta molto frutto; perché senza di me non potete fare nulla.” (Giovanni 15:5) Ammetti che non puoi lottare da solo contro il diavolo Puoi provare con l'autodisciplina, puoi provare con la forza di volontà. Non funzionano! 2. Scegli di essere protetto “Ma Dio è fedele; egli vi renderà forti e vi proteggerà dagli attacchi del diavolo.” (2 Tessalonicesi 3:3 PV) Chiedi la protezione del Padre. Pregare è pericoloso, solo se cerchiamo di farlo con le nostre forze. e non siamo protetti perché stiamo facendo qualcosa che distrugge le fortezze del maligno. 3. Scegli di scendere in battaglia “Combatti il buon combattimento della fede, afferra la vita eterna alla quale sei stato chiamato” (1 Timoteo 6:12a) Dio si vuole servire di te per distruggere le fortezze del nemico. Sii costante nella preghiera e osserva come egli risponde ad essa. 4. Scegli di obbedire "Sii pronto anche tu a soffrire per il vangelo, perché Dio te ne darà la forza." (2 Timoteo 1:8b PV) Sii pronto ad obbedire al Signore nella tua vita anche se comporta impegno, qualche sofferenza (piccola o grande), ma che rimane “una momentanea leggera afflizione” diceva Paolo 2 Corinzi 4:17 Non tornare indietro alle vecchie abitudini non tornare nella “terra di nessuno”. Questa è una battaglia che non devi affrontare da solo, o da sola, hai bisogno della tua chiesa, e hai bisogno di un piccolo gruppo per supportati a vicenda. Hai bisogno di essere in un “team” nella vita cristiana i “lupi solitari finiscono sempre sbranati. Fino a quando dovrai andare in battaglia? Semplicemente, sino alla prossima. Dopo ogni battaglia vinta sii pronto, sii pronta alla prossima. E ricorda, fai parte dell'esercito che ha già sconfitto satana... Preghiamo GUARDA LE DIAPOSITIVE DEL MESSAGGIO --- GUARDA IL VIDEO DEL MESSAGGIO
(Visita il nostro sito per ascoltare la registrazione audio del messaggio, per scaricare gli appunti e per vedere le diapositive del messaggio)

226 episodes